Post del 10/03/2017 alle 17:38

Bimbi e gatti: le 5 razze migliori

Per un bambino convivere con un gatto può rappresentare un’esperienza di crescita molto preziosa. A patto che i genitori gli insegnino a rapportarsi in maniera appropriata e gentile nei confronti dell’amico felino e che - almeno nelle fasi iniziali della convivenza - siano presenti per controllare che tutto si svolga sempre in modo sereno ed equilibrato.
 

COME SCEGLIERE IL GATTO PER UN BIMBO

Per cominciare, la condizione ideale sarebbe che il bambino fosse abbastanza grande da poter rispettare il gatto e il gatto fosse abbastanza piccolo da poter essere educato alla vita di famiglia e a comportarsi docilmente nei confronti del bambino.

Non tutti i gatti sono adatti a vivere con un bambino: è dunque sempre bene valutare con cura le caratteristiche dell’animale, osservandone il comportamento, prima del suo arrivo a casa. Se si tratta di un soggetto molto timido, spaventato, o troppo ansioso e agitato, non sarà il miglior candidato.

Si dovrà scegliere un gatto socializzato correttamente con i bimbi, in grado di sopportare pazientemente le manipolazioni e il contatto fisico, particolarmente coccolone (ovvero che ricerca lui stesso il contatto fisico), equilibrato e prevedibile nelle reazioni.

Gli esperti ritengono che i gatti adulti, per certi aspetti, potrebbero essere più facilmente gestibili, in quanto l’età li rende in genere più tranquilli e pacati. Il soggetto adulto offre inoltre la possibilità di capirne maggiormente il tipo di carattere; di contro, però, se esistono tratti caratteriali difficili e non immediatamente evidenti, negli adulti sono più difficili da risolvere.
 
5 razze gatto per bimbi, razze feline migliori per bimbi, gatti e bimbi


LE 5 RAZZE PIU' CONSIGLIATE

Sebbene non esistano razze specifiche per i bambini, i genitori tendono ad orientarsi verso quelle ritenute più adatte alla vita di appartamento perchè docili, tranquille e amanti della compagnia.
 
Occorre precisare che le caratteristiche generali di una razza non sempre corrispondono all’esemplare che si sceglie come compagno di vita per il proprio bambino. Il carattere di un gatto dipende da fattori genetici (non solo relativi alla razza di appartenenza ma anche ai genitori o alla specie), personali ed esperienziali. Fattori che possono precludere la possibilità di una coesistenza armoniosa tra bambini e gatti.

Quali sono allora le 5 razze feline più consigliate per i più piccini?

Lo Scottish Fold, gatto dall’indole molto docile e tranquilla, viene spesso suggerito alle famiglie che hanno bambini (è molto utilizzato anche per la pet therapy).

Il Persiano - pacato e pantofolaio - è il gatto domestico per eccellenza (più da coccole che da gioco).

Il Birmano è un gatto affettuoso e fedele, dalla giocosità estremamente gentile: non sa cosa vuol dire graffiare o soffiare.

Il Ragdoll è un gatto dolcissimo, dall’indole molto simile a quella del cane ed estremamente affettuosa.

Altrettanto dolce e affettuoso è il Thai, che si distingue inoltre per l' infinita pazienza e la voglia di giocare.

Alla lista aggiungiamo infine il Certosino, ottimo compagno per i bambini: questo gatto, anche se disturbato, difficilmente reagisce in maniera aggressiva.
    • Bimbi e gatti: le 5 razze migliori

Altri post di Redazione BauBoys