Post del 13/02/2017 alle 19:18

Cani pigri: come comportarsi

I cani generalmente sono animali pieni di energia e amano muoversi, rincorrere palline, riportare legnetti, può però capitare di avere un amico a quattro zampe che preferisce dormire tutto il tempo e rimanersene acciambellato sul divano o su una poltrona. Ricordate che fare esercizio e giocare è importante per la salute sia fisica che mentale del vostro animale. Per questo bisognerà cercare di stimolarne muscoli e cervello in modo che resti attivo divertendosi.


PERCHÉ IL CANE È PIGRO?

Ogni cane ha esigenze di movimento diverse. Ci sono razze più o meno attive. Tra i cani notoriamente più sedentari ci sono il Bulldog, il Bouledogue Francese e il Bassethound. Anche  il Carlino è amante dei comfort domestici e poco incline al moto. Per cui la pigrizia del cane potrebbe essere parzialmente imputabile alla razza di appartenenza del cane.

Si dovrà escludere, naturalmente, facendo visitare il cane dal veterinario, che la pigrizia sia causata da un problema di salute. In genere la pigrizia potrebbe essere sintomo di anemia, indotta da infestazione di pulci o mancanza di ferro nella dieta, oppure di infezioni gastrointestinali o ancora di gravi carenze nutrizionali.

I cani, come i bambini, apprendono per imitazione, dovranno essere  dunque i padroni a dare per primi l’esempio senza farsi vedere stanchi o privi di entusiasmo, ma sempre pronti invece a ingaggiare l’animale in qualche attività interessante per lui. Se non ricevono stimoli regolarmente, quasi tutti gli amici a 4 zampe finiscono per impoltrirsi. 
 

COME STIMOLARE UN CANE PIGRO
Bisogna innanzitutto fargli qualche coccola e cercare di invogliarlo a giocare, anche solo lanciandogli un giocattolo poco distante, senza mai esagerare nè tanto meno forzarlo, nel caso mostrasse di non averne proprio voglia: se sarete pazienti e costanti, alla fine, anche il cane più ritroso prima o poi accetterà l’invito. Il cane andrà sempre premiato con un bocconcino.

Per giocare in maniera attiva, un cane ha però bisogno di spazi ed esperienze nuove. Tempo permettendo,  potete portarlo al parco o a fare una bella passeggiata.

Come suggerisce il nostro esperto Paolo Roggero la passeggiata è importante, ma il cane va ingaggiato, coinvolto. Potrete sfruttare l’arredo urbano delle aree cani proponendo, ad esempio, una panchina come tunnel da percorrere, oppure uno slalom da svolgere tra blocchi di cemento o pali.

Un'altra maniera di svegliarlo dal suo torpore è stimolarne l’olfatto (attività che rilassa molto il cane e abbassa lo stato di agitazione), nascondendo oggetti particolarmente riconoscibili all’odore, che il cane dovrà ritrovare. Quest'attività potrà essere praticata anche indoor o nel giardino di casa se ne avete uno. Potrete sistemare bocconcini di cibo in un'area sufficientemente ampia e poi farlo andare alla ricerca delle leccornie: lo terrà occupato un bel po’, gli servirà per interagire con voi, facendolo muovere e divertire. In commercio esistono poi tanti giochi specifici che stimolano la naturale curiosità dell’animale e lo portano a trovare in maniera autonoma la soluzione ad un problema (ad esempio capire come ottenere del cibo appetitoso nascosto all’interno del gioco), ma possono essere costruiti facendo da sè (magari dietro consiglio di qualche trainer esperto).

La chiave sarà sempre quella di proporgli attività ludiche di coppia cosicchè il cane possa sentirsi parte di un duo. I cani devono essere accompagnati in un cammino pedagogico costruttivo e sano, non addestrativo ma collaborativo. Qualsiasi forma di gioco tra voi e il vostro cane vi aiuterà a cementare un rapporto solido fondato sulla complicità  e la comunicazione, permettendovi di scoprire le sue attività preferite, così da poterle mettere in pratica quotidianamente. 

Avvicinarlo ad altri cani attivi, sarà un modo per stimolarlo a correre e giocare anche con loro.

Un’altra possibilità  potrebbe essere quella di fargli frequentare un corso di Agility, dove imparerà a scuotere la sua indole pigra guidato da professionisti del mestiere.
    • Cani pigri: come comportarsi

Altri post di Redazione BauBoys