Post del 02/01/2017 alle 17:15

Se il cane ha paura dei rumori

La paura è una delle emozioni primarie anche negli animali, è qualcosa  di fisiologico e si manifesta con gradi diversi, diverse sono le reazioni di fronte a ciò che viene percepito come pericoloso: il cane può fuggire, o iniziare a guaire, oppure immobilizzarsi. Altre variabili che entrano in gioco sono l’età, il sesso, lo stato fisico e la razza (alcune razze sono per natura più timorose di altre).
 
LA PAURA DEI RUMORI
La paura di rumori forti e molto intensi come tuoni e fuochi d’artificio è frequente nei cani. E’ quindi importante aiutare gli amici a 4 zampe a superarla, per evitare che il problema si estenda ad altri rumori che possono verificarsi tutti i giorni.
In genere i cani diventano ansiosi e cercano di nascondersi, possono inoltre piangere, abbaiare, grattare le porte e persino fare pipì. I cani che hanno paura dei tuoni, ad esempio, possono cominciare a dare segni di nervosismo molto prima del loro effettivo scatenarsi:  il ticchettio della  pioggia, la luce dei fulmini e persino la bassa pressione che precede il temporale possono essere sufficienti per provocare una risposta ansiosa. Non si conoscono con certezza i motivi di tale fobia, che non è  facile da curare. E’ importante, però, provare a porvi rimedio, perché l'ansia da essi provocata tende ad accentuarsi con l'età.

COSA FARE
La naturale reazione dei padroni è quella di confortare e coccolare i cani. Ma in questo modo non si fa che rinforzare il loro stato emotivo, dal momento che capiranno che c’è veramente qualcosa di cui aver paura, tanto da aver provocato l’intervento del compagno umano. Il cane apprenderà che comportandosi in maniera nervosa viene ricompensato con il contatto, una serie di complimenti e magari anche del cibo. Bisogna, invece, per quanto possibile, restare indifferenti e continuare ad agire normalmente, evitando di parlare al cane e anche di guardarlo. Solo quando si sarà tranquillizzato lo si potrà chiamare per giochi e coccole. Mai punire il cane: non farà altro che spaventarlo e agitarlo ulteriormente, perché potrebbe associare il tuono non solo con la paura ma anche con il castigo.
 
 
Predisporre un angolino sicuro in cui rifugiarsi, dove si sentano protetti e il rumore che li spaventa risulti attutito, magari lasciandoci dentro qualche bocconcino per invogliarli ad andarci, può contribuire ad alleviare la loro ansia, ma eliminare la causa del problema è altra cosa.

E' necessario desensibilizzare il cane al rumore del tuono o agli altri stimoli ad esso associati, così che si abitui e gli sembri normale.
Un accorgimento potrebbe essere quello di registrare il rumore che lo spaventa e farglielo riascoltare in un momento di quiete e in cui si ha l’assoluta certezza che quel rumore non possa verificarsi naturalmente. Dapprima andrà fatto udire all’animale a basso volume e a intervalli brevi ma regolari, ricompensandolo se si mantiene calmo. Durante la riproduzione sonora lo si potrà coinvolgere in qualche attività piacevole. Nel corso di alcune settimane si aumenterà gradualmente l'intensità del rumore fino a portarlo al volume al quale esso ha spaventato il cane.
Si tratta di un procedimento lungo, che richiede tanta pazienza, ma alla fine vedrete i risultati.

In commercio esistono anche prodotti specifici contenenti D.A.P. (Dog Appeasing Pheromone) costituiti da feromone appagante materno del cane secreto dalla cagna nel corso dell’allattamento, con  il compito di rassicurare la cucciolata e indurre stabilità emotiva; proprietà che persistono anche in età adulta, regolando lo stato emozionale dell’animale per tutta la vita. Per consigli sul loro eventuale utilizzo è necessario rivolgersi al veterinario di fiducia
    • Se il cane ha paura dei rumori

Altri post di Redazione BauBoys