Post del 03/04/2017 alle 15:46

Come prevenire pulci e zecche

Le calde temperature favoriscono la riproduzione e l’aumento di parassiti esterni (soprattutto pulci e zecche) non solo fastidiosi ma, in alcuni casi, anche molto pericolosi per gli amici a 4 zampe. Gli animali più a rischio sono quelli che escono all’aperto, ma non sono esenti nemmeno quelli che vivono in casa. Come è possibile prevenirli?

PULCI,  ZECCHE  E  ALTRI  PARASSITI ESTERNI

Ecco a quali parassiti fare attenzione!

PULCI - Parassiti molto piccoli, che si muovono rapidamente all’interno del pelo e sono difficili da vedere, ma possono comunque causare allergie e trasmettere malattie al pet. Si  adattano molto bene all’ambiente casalingo e le loro forme immature possono resistervi per mesi, causando frequenti re-infestazioni sull’animale.

ZECCHE - Parassiti molto insidiosi che oltre a nutrirsi del sangue del cane  sono la causa di serie patologie(Rickettsiosi, Ehrlichiosi, malattia di Lyme) a volte mortali e anche trasmissibili all'uomo. Sono riconoscibili per la presenza di otto piccole zampe. Si attaccano con il loro apparato boccale in qualsiasi parte del corpo del cane, in particolare sulla testa, sul collo e negli spazi tra le dita.

FLEBOTOMI o PAPPATACI - La loro puntura può causare una grave patologia chiamata "leishmaniosi", i cui sintomi nell'animale affetto sono: dermatite con perdita di pelo e peso, lesioni alle orecchie, perdita di sangue dal naso, crescita accelerata delle unghie, dolori articolari, lesioni oculari.

ZANZARE - La loro puntura può causare una grave patologia parassitaria chiamata "filariosi": attraverso la puntura le larve entrano nel sistema circolatorio del cane e si sviluppano fino a diventare vermi adulti, che vanno ad installarsi nella zona intorno al cuore ed ai polmoni, causando problemi a livello cardiaco e respiratorio.

MOSCHE - Le mosche depositano sul corpo del cane, in particolare sulle orecchie, le loro uova che trasformandosi in larve vanno letteralmente a cibarsi della pelle dell'animale. Il morso della mosca detta “cavallina” risulta molto doloroso e può provocare gravi dermatiti, come quelle del padiglione auricolare. 

I  PRODOTTI  CONTRO  PULCI  E  ZECCHE

In genere, si consiglia di eseguire il trattamento per la prevenzione dei parassiti esterni in tutti i periodi dell’anno, ma questi interventi devono essere eseguiti in maniera ancora più scrupolosa proprio nella stagione estiva, rispettando quindi l’applicazione mensile richiesta dalla maggior parte dei prodotti antipulci e antizecche attualmente in commercio.

Oggi esistono dei buoni prodotti che riescono a difendere gli animali da tutti questi parassiti (tranne le zanzare che hanno una prevenzione a parte). La maggior parte dei prodotti antipulci ad esempio sono attivi anche contro le zecche; la cosa importante è verificare i tempi di durata di questi prodotti che spesso sono differenti per le pulci e per le zecche (in molti casi durano di più nei confronti delle pulci e meno nei confronti delle zecche). Molti dei prodotti antipulci e antizecche agiscono anche sulla riproduzione del parassita nell’ambiente domestico, riducendo in tal modo il rischio di infestazioni all’interno delle abitazioni

Li troviamo sottoforma di pipette contenenti un liquido che va applicato nella zona delle scapole, dove il pet non riesca a leccarsi. Alcuni proprietari sono contrari a questi prodotti ritenendoli delle vere e proprie medicine, ma il loro utilizzo è caldamente consigliato  e, inoltre, non  rovinano neanche  il pelo (a parte ungerlo leggermente nei primi giorni di applicazione).

Per chi non volesse utilizzare le pipette, esistono dei collari antiparassitari della durata di 3/4 mesi, che lasciati sul cane giorno e notte lo difendono dagli attacchi dei parassiti.

Attenzione che alcuni antiparassitari contengono una sostanza chiamata permetrina, altamente tossica per i gatti, quindi occorre prendere le giuste precauzioni nell'applicare al cane questo tipo di antiparassitario qualora vivesse in casa con uno o più gatti. L'incapacità dei gatti di metabolizzare la permetrina potrebbe risultare fatale per gli amici felini.

PREVENZIONE  DELLA  FILARIA

Per quanto riguarda la filariosi cardio-polmonare basta invece somministrare una volta al mese una pastiglia apposta per prevenire lo svilupparsi di questa patologia. Bisogna solo stare attenti  che non contenga IVERMECTINA perchè i cani di tipo o discendenza Collie non tollerano questa sostanza.

A cura di Daniele Saliceti, Professional Handler

    • Come prevenire pulci e zecche

Altri post di Redazione BauBoys