Post del 17/06/2017 alle 13:55

Impariamo a viaggiare con Fido

Quando si programma un viaggio in compagnia dell’amico a 4 zampe, sia che ci si sposti in auto, treno, nave o aereo, è sempre bene organizzare tutto in maniera puntigliosa, senza tralasciare alcun aspetto, in modo da garantire all'animale sicurezza e benessere.

SE SI VIAGGIA IN AUTO

Innanzitutto come ci ricorda la nostra esperta Legale Claudia Taccani il Codice della Strada prevede la possibilità di portare più di un animale in macchina, ma in tal caso è importante che gli animali siano separati rispetto al conducente. Se si ha più di un cane, è possibile sistemare gli animali nella parte posteriore della vettura, custodendo ciascuno nell’apposito trasportino. Se abbiamo un solo cane, la legge ci permette di trasportarlo nella parte posteriore riservata ai passeggeri, anche libero, purchè sempre separato opportunamente da una rete rispetto al conducente oppure legato con apposita cintura di sicurezza.

Prima di affrontare lunghi spostamenti, è bene cercare di abituare il cane a viaggiare in auto, magari facendo una serie di viaggi brevi di prova, associando sempre il giro sulla quattro ruote a un‘attività piacevole.
Prima della partenza fategli fare una passeggiata rilassante, magari qualche gioco insieme in modo che il cane possa scaricare un po’ di energia. Il cane dovrebbe essere a stomaco vuoto o con il minimo indispensabile di cibo in corpo, per evitare mal d’auto ed eventuali rigurgiti. Se il tempo da trascorrere in macchina è tanto, si possono dare piccoli spuntini con cibo secco. Meglio non dare troppa acqua sia prima della partenza che durante il percorso stesso, anche se fare bere (poco) ma spesso è fondamentale soprattutto nei periodi molto caldi. La scorta d’acqua fresca dovrà essere abbondante anche per poter rinfrescare occasionalmente il muso e la fronte del cane. Quando si viaggia assicuriamoci che l’abitacolo dell’auto sia ben areato per evitare colpi di calore, ma senza esagerare per il rischio, opposto, di colpi d’aria. Se il tragitto è lungo si dovranno effettuare frequenti soste (al massimo ogni due ore) in modo che possa sgranchirsi le zampe, espletare i suoi bisogni e dissetarsi. Guidate dolcemente ed evitate brusche accelerazioni o frenate. Ci sono però cani che fisiologicamente non sopportano l’auto, in questi casi è opportuno consultare il veterinario che vi potrà prescrivere farmaci per la chinetosi. A volte il disagio che il cane prova quando è in macchina potrebbe avere bisogno della consulenza di un buon educatore che potrà valutare un percorso per aiutarlo a lenire il problema.

SE SI VIAGGIA IN TRENO, AEREO O NAVE

Occorre prenotare il viaggio con largo anticipo, segnalando la presenza dell’animale e tenendo presente i regolamenti delle diverse compagnie di trasporto siano esse ferroviarie, aeree, marittime o anche stradali

Differenti modalità di trasporto sono previste a seconda del tipo di treno utilizzato
. In linea generale i cani e possono viaggiare in treno purché chiusi in appositi trasportini. I cani di grossa taglia possono viaggiare liberi solo se lo scompartimento è stato interamente prenotato; possono viaggiare in scompartimenti con altre persone se non recano disturbo e se sono muniti di guinzaglio e museruola. Se dovete prendere un treno di Trenitalia o Italotreno, potete facilmente consultare sul sito internet le condizioni per il trasporto degli animali.

Anche per quanto riguarda l’accesso a bordo dell'aereo di cani a seguito di un passeggero, non esiste una regolamentazione unica per tutte le compagnie. I cani di media o grande taglia, invece, viaggiano nella stiva pressurizzata in apposite gabbie rinforzate.

Sui traghetti i cani di piccola taglia possono viaggiare in cabina con il padrone, previo consenso delle altre persone a bordo. I cani di taglia media o grande possono alloggiare nelle zone predisposte, ma generalmente, è permesso tenerli sul ponte purchè accompagnati dal padrone e muniti di guinzaglio e museruola.
 
DOCUMENTI  DI  VIAGGIO

Anche se in Italia non è obbligatorio il certificato di vaccinazione antirabbica è consigliabile portarsi dietro il libretto sanitario dell’amico a 4 zampe (rilasciato dal proprio veterinario) sul quale sono registrate tutte le vaccinazioni. Altri documenti utili da avere sono Passaporto Europeo per animali domestici (obbligatorio per Legge se ci si deve recare all'estero)copia dell’iscrizione all’anagrafe canina, estremi della polizza assicurativa che copre il vostro cane, e altri se specificamente richiesti. Se la meta è un Paese che che non fa parte dell’Unione Europea è consigliabile contattare la relativa ambasciata o consolato per sapere se sussistono particolari norme per l'ingresso degli animali (ad esempio periodo di quarantena).

    • Impariamo a viaggiare con Fido

Altri post di Redazione BauBoys