Post del 19/04/2017 alle 18:01

Mai più cani uccisi nei lager in Bosnia

Venivano barbaramente uccisi, i cani in Bosnia Erzegovina, nei canili pubblici. La legge bosniaca lo vieta, eppure migliaia di cani venivano soppressi. L'Ente Nazionale Protezione Animali è riuscito con un grande sforzo a scongiurare lo sterminio trasmettendo buone pratiche e sostenendo il lavoro sul campo di associazioni come Prijedor Emergency e Sapa U Srcu - Zampa nel cuore. A maggio dello scorso anno hanno fatto una prima campagna di sterilizzazione straordinaria dei cani di Banja Luka e di Prijedor (Republika Srpska - Bosnia Erzegovina), tutti cani salvati dalle due associazioni che sosteniamo. Nel corso della prima campagna hanno sterilizzato 150 tra cani e gatti, dando così un esempio agli enti locali bosniaci. Tutti gli animali sono stati iscritti all'Anagrafe pubblica. E sempre grazie al lavoro fatto, solo nel 2016 ben 777 tra cani e gatti salvati dai canili lager sono stati felicemente adottati.

A distanza di un anno, bisogna dare continuità al progetto. Nel frattempo tante azioni sono state fatte: i salvataggi continuano, le azioni concrete sono quotidiane e le associazioni Prijedor Emergency e Sapa U Srcu - Zampa nel cuore sono incessantemente attive, sempre sostenute dall'ENPA. Che porta aiuti, lavora per ampliare e migliorare i rifugi delle due associazioni partner e soccorrere il maggior numero possibile di randagi, fa arrivare in Italia i cani bisognosi di interventi chirurgichi perché spesso gravemente feriti o mutilati da chi li maltratta per strada.

Sterilizzando danno un esempio, fanno cultura. 

Il veterinario privato di Prijedor che già l'anno scorso ha lavorato per ENPA a prezzi concordati, anche quest'anno li sostiene. Hanno l'ambizioso obiettivo di fare altre 100 sterilizzazioni. Per questo hanno bisogno di raccogliere 3.500 euro. Per dare  speranza e futuro non solo agli animali sterilizzati, ma anche ai randagi tenuti nei rifugi pubblici: la sterilizzazione e l'anagrafe sono le uniche soluzioni per contenere il randagismo anche in Bosnia Erzegovina. 

Con 30 euro possono fare una sterilizzazione, con 10 un vaccino. Con 5 euro puoi aiutarli a stampare e diffondere venti copie della loro piccola pubblicazione. Ma ogni importo contribuisce a realizzare il progetto.

Solo così saranno in grado di garantire una vita dignitosa ai cani già salvati, a evitare che i cani possano essere di nuovo barbaramente uccisi nei rifugi pubblici, a fare educazione affinché il maltrattamento e l’uccisione di animali vengano percepiti come azioni contrarie al senso di umanità. 

Per sostenere il progetto di ENPA: 

https://www.produzionidalbasso.com/project/mai-piu-cani-uccisi-nei-lager-in-bosnia-seconda-campagna-di-sterilizzazione/ 

    • Mai più cani uccisi nei lager in Bosnia

Altri post di Redazione BauBoys