Post del 27/03/2017 alle 18:29

Primavera: le erbe nocive per il cane

Sebbene i cani sappiano bene quali sono le piante velenose, può accadere che, soprattutto quando sono ancora cuccioli, curiosi di esplorare il mondo circostante, mettano in bocca qualsiasi cosa, comprese quelle per loro nocive.

COSA SPINGE UN CANE A MANGIARE LERBA? 

L’istinto di mangiare erba è atavico nei cani anche se non tutti e risale alle prime specie di canis lupus, i cani usano mangiare erba per problemi legati alla digestione o per problemi comportamentali.  Il cane non è un carnivoro stretto come i gatti  e quando era ancora selvatico, per sopperire alla mancanza di cibo animale, si nutriva di erba e piante per tenere alto il livello di vitamine e minerali. 

Così come i gatti, mangiano l’erba per eliminare in modo naturale dei gas nello stomaco, anche i cani traggono beneficio dall’erba che, passando indisturbata lungo tutto l’apparato digerente fino all’intestino, libera più facilmente il cane da feci dure o gas in eccesso.

Possono esserci però dei  motivi comportamentali.  È  possibile, ad esempio, che il cane mangi l’erba per attirare le attenzioni del suo proprietario. Osservate allora il modo in cui la mangia, se lo fa compulsivamente, sarebbe bene rivolgersi a un un medico veterinario comportamentista o  a un educatore cinofilo che saprà darvi i giusti consigli per risolvere il problema.

ERBE E PIANTE NOCIVE PER IL CANE

Ecco un elenco delle principali piante ed erbe nocive per il cane.

L’Aquilegia è una pianta tossica in ogni sua parte. Provoca convulsioni, insufficienza circolatoria, problemi gastroenterici.

Allo stesso modo la Clematide, che causa irritazione gastroenterica.

La Dieffenbachia oltre a una forte irritazione allo stomaco del cane, all’intestino, all’esofago, provoca un edema della glottide e difficoltà respiratorie.

Le foglie e i semi del Tasso producono nel cane problemi neurologici, tremori, vomito e diarrea.

Le  bacche del Vischio, ugualmente, producono problemi neurologici, ipersalivazione e vomito.

L’Aglio può provocare nel cane anemie, vomito e diarrea. L’Aglio selvatico o Aglio Orsino spesso viene scambiato con il colchico, una pianta velenosa, non solo per i cani ma anche per l’uomo.

L’Alocasia (Pianta orecchie di elefante) è un’altra  delle piante tossiche in ogni loro parte. Provoca nel cane stomatite e dermatite da irritazione.

L’Alloro di montagna è molto pericoloso: provoca vomito, convulsioni, diarrea e salivazione eccessiva nel cane. Le sue bacche sono velenose.

 

Fonti:  http://www.amoreaquattrozampe.it/    https://blog.bepuppy.com/  

    • Primavera: le erbe nocive per il cane

Altri post di Redazione BauBoys