Post del 24/05/2017 alle 17:35

Sgridare il gatto: sì o no?

Chi divide la propria vita con un gatto  sa bene quanto gli amici  felini siano bravi nel combinare guai. Tante volte si prova a sgridare il gattoper correggerne i comportamenti indesiderati. Ma questo metodo potrebbe provocare l’effetto contrario: l'animale potrebbe andare in ansia e la situazione peggiorare.

SGRIDARE IL GATTO : SÌ O NO?

Premiare il gatto con bocconcini, lodi oppure giochini quando compie un’azione gradita, è il metodo migliore per farsi capire.

Se è vero però che è sempre meglio rinforzare positivamente i comportamenti giusti, non dobbiamo dimenticare che ogni tanto qualche "No" ci va.

Per rimproverare un gatto si fa la stessa cosa che si fa per il cane: si dice un "No" secco e si ignora il gatto per una decina di minuti. In alternativa gli educatori suggeriscono di fare un rumore come schioccare le dita o battere le mani in modo che il gatto associ quel suono al fatto che sta facendo qualcosa di sbagliato. In futuro quando ripeterete il suono, ciò dovrebbe bloccare automaticamente il comportamento. Il punto è che dovete cogliere sul fatto il gatto, inutile sgridarlo quando ormai ad esempio ha già lacerato la tenda, se lo beccate mentre la artiglia sì, altrimenti non serve a nulla se non a generare nel gatto confusione e a renderlo diffidente nei vostri confronti.

Ricordate, inoltre, che alcuni comportamenti sono del tutto naturali per il gatto e bloccarli al 100% è impossibile, a meno che non gli diate una valida alternativa.

Pensate, per esempio, al gatto che graffia mobili e porte: magari lo sgriate, gli dite "No", lui smette, salvo poi ricominciare poco dopo. Non è che vi sta facendo un dispetto, si tratta del fatto che è un comportamento insito nella sua natura, impossibile e anche sbagliato reprimerlo del tutto. Piuttosto se non volete che graffi quel mobile, dategli il permesso di distruggere qualche altra cosa, in modo che si concentrerà su quella e risparmierà il resto della casa.

 

COSA NON FARE QUANDO SI RIMPROVERA UN GATTO

-Non urlare

-Non agitarsi

-Non gesticolare

-Non fare lunghi discorsi

-Non sgridarlo e contemporaneamente accarezzarlo

-Non essere incoerenti

-Non mettergli il muso nell'urina e nelle feci

-Non scuoterlo, rendereste ancora più aggressivo il gatto

 

Fonte: http://www.petsblog.it/ 

    • Sgridare il gatto: sì o no?

Altri post di Redazione BauBoys